Le Cantine

Fabrizio Camorali

  • Le origini dell’azienda conducono alla fine del 1800 quando il bisnonno Giovanni acquistò, per 7mila lire, alcuni terreni che successivamente pasarono di proprietà al figlio Luigi; erano gli anni della Prima Guerra Mondiale e l’azienda funzionava con qualche capo di bestiame e alcuni terreni coltivati a seminativo e a vigneto. Luigi e Maria ebbero 5 figli dei quali Giovanni, Antonio e Mario continuarono la tradizione agricola di famiglia; più tardi furono solo Mario con la moglie Marisa a occuparsi dell’azienda attraverso il mantenimento del fattore agricolo e il potenziamento di quello vitivinicolo, seguiti dall’ampliamento dei vigneti e dalla costruzione della cantina. Dei loro tre figli Fabrizio, fin da piccolo, dimostrò interesse e entusiasmo per il lavoro nei campi; dal 1993 è lui, affiancato dai genitori, che gestisce l’azienda, la quale copre complessivamente una superficie di 15 ettari.

  • I vigneti dell’azienda si estendono per 7 ettari, dei quali il 60 per cento coltivati con uva rossa e il restante 40 per cento con la bianca. Tra i vini proposti vi sono il Monterosso Val d’Arda, l’Ortrugo e il Gutturnio, per una produzione di circa 500 ettolitri e 15mila bottiglie all’anno, oltre alla produzione in damigiana e il vino da tavola, bianco e rosso.

  • Contatti: L’azienda vitivinicola è sempre aperta, previo appuntamento, per vendita del vino in bottiglia e damigiana e degustazione del nettare del dio Bacco con salumi e formaggi tipici. Azienda vitivinicola Camorali Fabrizio, loc. Gerra, 1 - Prato Ottesola, 29018 Lugagnano Val d’Arda (Pc), tel. 0523/891856, cell. 335/8152512, e-mail fabrizio.camorali[AT]alice.it

Clicca qui per visualizzare la galleria

Giuseppe Barbuti

  • Le origini dell’azienda risalgono al 1929 quando nonno Guido, con nonna Luigia, si trasferisce da Fiorenzuola d’Arda a Prato Ottesola per lavorare la terra; la passione per l’agricoltura si tramanda al figlio Cesare che prosegue nell’attività con la moglie Anna. Negli anni Novanta la gestione passa al figlio Giuseppe e alla moglie Roberta; il complesso si compone di zona di lavorazione, deposito bottiglie, due case e la cantina storica, fiore all’occhiello dell’azienda vitivinicola. Al suo interno, infatti, Giuseppe e Roberta hanno allestito un museo dell’agricoltura, con particolare attenzione per la coltivazione della vite e la produzione del vino, conservando in ottimo stato botti, torchi, imbottigliatrici a mano, bottiglioni, imbuti, damigiane di varie dimensioni e altri attrezzi utili nei campi, dagli aratri in legno alle seghe, dalle falci ai cesti in vimini, al fianco di chiodi, martelli, mezzelune, setacci, bilance, pese, cacciaviti, accette, chiavi inglesi e pinze. L’azienda fa parte del circuito della “Strada dei vini e dei sapori dei Colli Piacentini” e si affaccia sui Calanchi, permettendo un’ottima visuale fino al Buco della Balena.

  • Oggi l’azienda copre una superficie di 25 ettari, con 10 ettari di vigneti, 6 ettari coltivati con uva rossa e 4 con uva bianca, oltre a 5 pertiche di uva da tavola mista e di diverse qualità. La famiglia Barbuti propone vino in bottiglia o damigiana, con una produzione di 20mila bottiglie e 600 quintali di vino; tra le etichette migliori, Barbera, Bonarda, Gutturnio, Ortrugo (quarto classificato alla prima edizione del Gran Premio dell’Ortrugo come miglior Ortrugo doc tranquillo 2006 il 27 luglio 2008), Malvasia dolce, Malvasia secco, Monterosso, Marsanne (prodotto Igt).

  • Contatti: Visite in azienda su appuntamento con possibilità di acquisto dei prodotti direttamente in azienda o a domicilio e degustazioni guidate in cantina con salumi e formaggi tipici piacentini. Azienda Vitivinicola Barbuti Giuseppe, loc. Prato Ferrari, 1 - Prato Ottesola, 29018 Lugagnano Val d’Arda (Pc), tel. 0523/801147, cell. 335/8219338, e-mail vitivinicola barbuti[AT]libero.it - web www.vitivinicolabarbuti.it/

Clicca qui per visualizzare la galleria

Bernardino Castellana

  • L’agriturismo Prato Verde affonda le sue radici nel 1800 quando il bisnonno Luigi qui viveva e lavorava la terra di Prato Ottesola per la produzione di vino e uva da tavola. Successivamente fu il figlio Bernardino, assieme alla moglie Luigia, a continuare la tradizione agricola lasciata in eredità dal padre; dei loro cinque figli solo Giuseppe con la moglie Romana portarono avanti l’attività di famiglia. Oggi alla conduzione dell’azienda agrituristica troviamo ancora Giuseppe, affiancato dai figli Luigi, con la moglie Lara, e Bernardino. Bernardino e Giuseppe si occupano delle vigne, mentre Lara e la mamma Mette lavorano in cucina e si accupano della cura dell’agriturismo. Il ristorante, con 130 posti coperti, è disponibile per cerimonie, feste, serate a tema e cene di lavoro e propone, nel suo ricco menu, salumi e formaggi genuini, chisolini fritti e pane casereccio, pasta fatta a mano come anolini, tortelli, pisarei, arrosti cotti nel forno a legna e squisiti dolci di produzione propria. Il maneggio, di cui Luigi è responsabile, conta circa 50 cavalli e pratica l’allevamento di Quarter Paint Horse con addestramento, Paddok e scuola western, e dispone di una pensione per cavalli.

  • Tra i vini proposti troviamo Gutturnio, Monterosso e Ortrugo, mentre gli ettari di terreno coltivato a vigneto raggiunge le 80 pertiche, delle quali una piccola parte coltivata con uva bianca e il resto con uva rossa, per un totale di 10mila bottiglie per circa 400 quintali di produzione.

  • Contatti: L’azienda agrituristica e il maneggio sono sempre aperti, con ristorante a disposizione dal venerdì alla domenica. Agriturismo Prato Verde loc. Prato Ferrari – Prato Ottesola, 29018 Lugagnano Val d’Arda (Pc), tel. 0523/891855, cell. 338/6805715, e-mail info[AT]agriturismopratoverde.it, web www.agriturismopratoverde.it

Clicca qui per visualizzare la galleria

Mirella Marchetti

  • Le origini dell’azienda, adagiata lungo rio Cogni che dà il nome alla località, portano indietro nel tempo di 105 anni quando nonno Ludovico coltivava la vigna producendo uva da tavola, come la “Bianchetta di Diolo”, la “Delizia”, la “Regina” e “Italia”, venduta poi ai mercati. La tradizione prosegue col figlio Luigi e i nipoti Adriano e Arturo, per arrivare fino a Mirella, figlia di quest’ultimo. Da oltre cinquant’anni l’azienda sta seguendo un indirizzo prettamente vitivinicolo con l’innesto di ulteriori vigneti e la costruzione della cantina. Tra i prossimi obiettivi dell’azienda vitivinicola vi è il completamento della ristrutturazione di un’ala della proprietà dove verrà realizzata la nuova sala degustazione con alcune aree di produzione.

  • L’azienda si estende su una superficie di 10 ettari, 5 dei quali sono coltivati a vigneti, 3 ettari con uva rossa e 2 con uva bianca. Tra i vini proposti il Gutturnio e il Monterosso Val d’Arda, oltre al vino da tavola bianco semisecco e rosso amaro e all’uva da tavola Verdea e Bianchetta. La produzione complessiva è di 180 quintali, con circa 2600 bottiglie, mentre l’80 per cento della produzione stessa ancora oggi è destinato alla distribuzione in damigiana.

  • Contatti: L’azienda è sempre aperta, previo appuntamento telefonico, per la vendita di bottiglie e damigiane di vino. Azienda vitivinicola Marchetti Mirella, loc. Diolo Costa, 4 – Diolo, 29018 Lugagnano Val d’Arda (Pc), tel. 0523/891704, cell. 334/1280976, e-mail mirellamarchetti[AT]alice.it

Clicca qui per visualizzare la galleria